La Convenzione di New York

29.03.2020

La Convenzione sui diritti del fanciullo sancisce i diritti fondamentali di bambini e adolescenti. E' stata approvata dall'Assemblea generale dell'ONU il 20 novembre 1989. L' Italia l'ha ratificata il 27 maggio 1991.

Pubblicazione di Ius Familiae
Pubblicazione di Ius Familiae

La Convenzione sui diritti del fanciullo assicura una tutela completa dei diritti umani dei bambini e degli adolescenti. Garantendo tali diritti si mira a promuovere lo sviluppo della personalità dei bambini e dei ragazzi e a tenere conto delle loro particolari esigenze di protezione.


La Convenzione garantisce tra l'altro al bambino i seguenti diritti:

  • il diritto all'ascolto e alla partecipazione

  • il diritto alla tutela del proprio benessere

  • il diritto all'identità

  • il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo

  • il diritto alla protezione, in particolare dagli abusi e dallo sfruttamento nonché

  • il divieto di discriminazione


La Convenzione è stata approvata dall'Assemblea generale dell'ONU il 20 novembre 1989. 


Meccanismo di controllo

Il Comitato dei diritti del fanciullo dell'ONU vigila sull'attuazione della Convenzione. Gli Stati parte si impegnano a sottoporre periodicamente al Comitato rapporti sulle attività da loro svolte ai sensi della Convenzione.

Anche i primi due Protocolli facoltativi prevedono una procedura di rapporto come meccanismo di controllo. Il terzo Protocollo facoltativo integra inoltre tale procedura con una procedura di comunicazione individuale.


Protocolli facoltativi

Sono stati conclusi tre Protocolli facoltativi alla Convenzione sui diritti del fanciullo.

  1. Protocollo facoltativo alla Convenzione sui diritti del fanciullo relativo alla partecipazione di fanciulli a conflitti armati. Il Protocollo mira a garantire una migliore protezione ai bambini e ai ragazzi in caso di conflitti armati. È stato adottato dall'ONU il 25 maggio 2000 ed è entrato in vigore il 12 febbraio 2002.


  2. Protocollo facoltativo alla Convenzione sui diritti del fanciullo concernente la vendita di fanciulli, la prostituzione infantile e la pedopornografia. Il Protocollo rafforza la protezione dei bambini dallo sfruttamento sessuale. È stato adottato dall'ONU il 25 maggio 2000 ed è entrato in vigore il 18 febbraio 2002.


  3. Protocollo facoltativo alla Convenzione sui diritti del fanciullo che istituisce una procedura per la presentazione di comunicazioni. Il Protocollo rappresenta un importante complemento alla Convenzione e agli altri Protocolli facoltativi, in quanto prevede una procedura di comunicazione individuale. A determinate condizioni conferisce inoltre al Comitato la competenza per la procedura di comunicazione interstatale (art. 12 del Protocollo) e per la procedura d'inchiesta (art. 13 del Protocollo). Il Protocollo facoltativo è stato adottato dall'ONU il 19 dicembre 2011 ed è entrato in vigore il 14 aprile 2014.


    Ad Aprile 2020, IusFamiliae ha reso disponibile per tutti gli operatori del diritto, gli operatori sociali e per tutte le persone interessate, una copia della convenzione curata appositamente dopo aver celebrato i 30 anni dalla promulgazione. La pubblicazione, con introduzione di Marco Perfetti, è pubblicata con il titolo: Che ne sarà di me? La Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza strumento solido per una protezione efficace dei minori


    Potrete richiedere la Convenzione inserendo i vostri recapiti nel box qui sotto e pagando tramite il bottone PayPal. 



Inserisci il tuo nome, la tua email e nel testo del messaggio specifica se vuoi ricevere la Convenzione tramite email o in cartaceo. Qual ora tu voglia la Convenzione stampata inserisci l'indirizzo in cui vuoi che arrivi. Poi paga nel bottone qui sopra.